Passa ai contenuti principali

Guiding & Involvement


Pseudo riflessioni  di una guida sentimentale….
  
Un modo di fare turismo dove al centro viene messa la persona ,l’individuo, con le sue curiosità,interessi, bisogno di relazionarsi e di conoscere

Ho sempre creduto che fare del buon turismo, della buona accoglienza fosse questo
Credo di averlo sempre fatto  per doti innate o  per una certa sensibilità..
Forse perché mi piace immedesimarmi nell’altro, capirne  il punto di vista per poi trovare il giusto modo per  interagire…







 Una brava guida turistica sa  raccontare ma sa anche come  raccontarsi e  può farlo in poco tempo.

Ci  sono modi e stili diversi,personali, per narrare i propri luoghi ,per svelarne l’anima con tutte le sue sfumature e a volte ,anche se nell’arco di un giorno o poco più è possibile creare un “involvement”  , una sintonia ,un’intesa tra chi ci ascolta e noi in nome di  quella   dimensione più umana, di cui un po’ tutti abbiamo estremo bisogno.

Da un punto di vista professionale occorrerebbe mantenere una certa distanza  tra noi e gli altri, tra una guida ed i suoi turisti.
Perché in fondo?  a volte disturbano alcune domande sulla propria vita privata, alcuni commenti che potrebbero risultare invadenti e dai  quali è giusto tenersi a debita distanza
Ma il tono ed i modi ti permettono di capire e di filtrare quelle curiosità che invece sono anche parte di quella  personalizzazione dei propri racconti. In fondo noi apparteniamo con le nostre storie alla nostra terra, e le nostre esperienze, le nostre vite sono ad ogni modo anche il risultato dei luoghi che viviamo e che sentiamo dentro di noi.
Anche i visitatori dei nostri luoghi arrivano qui da noi con il loro bagaglio di vita vissuta, con i loro racconti e delle loro terre
La bellezza del mio lavoro è anche questo: potermi sentire persona e dare   ai turisti la stessa possibilità..

Io li ringrazio  prima di tutto per essere arrivati fin qui,  per “fare conoscenza”
Attimi, poche ore, un giorno.. ma sono relazioni che possono,anche in poche parole, in pochi gesti dire e trasmettere tanto….
E' un continuo feedback…..di dare e ricevere
Di quelle persone che ogni giorno avrai incontrato ne ricorderai,volti, sguardi, sorrisi, mani calorose,ma anche consigli preziosi, complimenti,confidenze sorprendenti per la loro spontaneità, parole che ti toccano il cuore … e ti sorprenderai anche tu a volte nel raccontare o scoprire cose di te con altrettanto stupore
È un continuo scoprirsi a vicenda  senza paura,un bisogno reciproco di raccontarsi e di riconoscersi come persone


Ma è pur sempre questione di stile…

Lucia Iacono











Commenti

  1. Complimenti Lucia. Fare la guida non è solo un "dare"ma anche un ricevere. Ricevere attraverso uno scambio di opinioni, confrontarsi rapportare crescere e interagire insieme. Sono tutte cose che solo noi possiamo fare e non le tante diavolerie elettroniche o stampati che circolano in rete! :)

    RispondiElimina
  2. grazie Fabio, sono riflessioni che faccio spesso recentemente ..uno stimolo a continuare, a crederci ancora...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

The caponata of the Inspector Montalbano... simply sciavurusa!

Yesterday I was at the street market in  my Ortigia and I ate a  wonderful  caponata When  it was served at my table that marvellous vision reminded me the description given by Andea Camilleri in one of the episodes of his popular Inspector: " The moment he opened the refrigerator, he saw it.  Caponata! Fragrant, colourful, abundant, it filled an entire soup dish, enough for at least four people. It had been months since Adelina, his housekeeper, last made it for him. The bread, in its plastic bag, was fresh, bought this morning. The notes of the triumphal march of Aida came spontaneously, naturally, to his lips. Humming, he opened the French windows after turning the light one the veranda. Yes, it was a cool night, but still warm enough to eat outside. He set the little table, brought the dish, the wine, and the bread outside, and sat down " (Excursion to Tindari, Andrea Camilleri) There were three Dutch tourists reading  carefully the menu close to me
Donne siciliane.... (di Paola Mentuccia) (ANSA) - ROMA, 23 NOV  16- "Non è stata una storia di vanità, è stata una storia di vita". Letizia Battaglia ha iniziato a scattare foto per pagare l'affitto di un appartamento a Milano, quando collaborava come freelance per il quotidiano di Palermo L'Ora. "Avevo una macchina fotografica e ho raccontato quello che c'era intorno a me". Quella "scatola magica", come lei la definisce, le ha permesso di entrare nelle case, di raccontare la vita più intima delle persone e la storia dell'Italia, di essere testimone dei più cruenti fatti di mafia, della condizione delle donne e di trasmettere al mondo intero il suo tenero sguardo nei confronti dell'umanità...

Doorways at Graziella -Ortigia

 In the heart of Ortigia the Graziella ('A Razziedda in Siclian) is the old fishermen district it's name comes from the devotion to the Madonna delle Grazie tha is Virgin Mary of Mercy  always considered the protector for fishermen  its still an area preserving   somehow the arabic influence in its architecture and layou t